Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Il Flora partecipa alla gara nazionale cocktails

Contenuto in: 

Sfida tra studenti nell'arte dei cocktails

di Roberto Rampini
- Cornaredo -
Basile Giorgia 4DKS, accompagnata dal docente di sala e vendita prof. Ascolese Francesco Salvatore si è piazzata al 6° posto dando il massimo della sua preparazione e capacità - (si riporta l'articolo apparso in data sabato 14 aprile 2018 sul giornale IL GIORNO per una più semplice lettura)

TEORIA E PRATICA: dietro al bancone di un bar bisogna conoscerle entrambe per preparare un ottimo cocktail. Le materie prime, vermouth rosso, gin, rum bianco o whisky. La pratica, come dosare gli ingredienti, la quantità del ghiaccio e come mescolare tutto, in pochi secondi, con il bar spoon e lo shaker. E' quello che hanno dovuto dimostrare ieri gli studenti degli istituti per i servizi di enogastronomia, settore bar, sala e vendite del Nord Italia che hanno partecipato alla sesta edizione del conocorso "IBA drink 2018" ospitata dall'istituto Olmo di Cornaredo.

VENTISEI scuole in tutta Italia, tre tappe (una al Nord, una al Sud e una a per il Centro Italia), quattro vincitori per tappa e la finale il prossimo 23 maggio a Lerici, in Liguria.
Organizzata dall'Associazione Italiana Bartender & Mixologist è passato dalle 3 scuole della prima edizione a 26. Ieri mattina all'Olmo si sono sfidati in 16."Vogliamo valorizzare le eccellenze degli istituti alberghieri ed esaltare il settore dei barman - dichiara Luigi Manzo, presidente dell'associazione - in questo concorso non ci sono cocktail in modo codificato, un Daiquiri bevuto a Venezia deve essere identico a quello bevuto a Milano. Ma per farlo alla perfezione il barman deve conoscere le caratteristiche delle materie prime".

A DARE il benventuo i padroni di casa, Luca Azzolini dirigente scolastico, lo chef Davide Olda mentore della scuola superiore il sindaco Yuri Santagostino.
Dopo un veloce ripasso del regolamento e dopo aver ascoltato gli ultimi consigli di Angelo Desinini, coordinatore nazionale concorsi, due prove pratiche sotto lo sguardo attento e severo dei giudici Clara Longobardi e Deborah Tedesco e infine quella teorica, un cruciverba sui cocktails IBA (International Bartenders Association) da risolvere in venti minuti. Alla fine della giornata quattro vincitori: Monica Zanin del San Giovanni Bosco di Mantova, Michela Gandolfo del Marco Polo di Camogli, Diego Fakhoury del Cfp Enaip di Riva del Garda e Filippo Passarella dello Jacopo da Montagnana di Pordenone. "La professione del barman non è semplice, richiede la stessa preparazione di uno chef, in questo conocorso gli studenti possono davvero mettere in pratica quello che studiano tra i banchi di scuola" conclude Manzo.

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.56 del 21/06/2017 agg.01/08/2017